Pagina precedente
Ufficio di Pastorale Scolastica - Diocesi di Piacenza - Bobbio
Pagina successiva

"Il santo viaggio..."
Meditazioni per il sostegno spirituale dei fedeli che operano nella scuola

2002 novembre
“L’atteggiamento radicale che orienta l’impegno della chiesa e dei credenti per la scuola è il servizio, che si propone nelle forme di una dedizione attiva e creativa, di una stima sincera e di un genuino rispetto dei processi e dei contenuti che rendono la scuola idonea a promuovere il pieno sviluppo della persona. In questa scelta la chiesa vuol essere discepola del suo Signore e maestro, il quale ha scelto di farsi carne e di assumere la condizione di servo, obbediente fino alla morte di croce e per questo costituito capo di una nuova umanità e forza per la nascita di un mondo nuovo (cfr. Fil 2,5-11).
Anche i cristiani, allora, consapevoli del peccato che contrassegna pure la loro vita ma fiduciosi nel soffio dello Spirito, accettano come criterio del loro servizio alla scuola la logica dell’incarnazione, della croce e della risurrezione”.

(CEI, “Fare pastorale della scuola oggi in Italia”)

 
Perché questo foglio

Gli studenti, alle volte, dimenticano di inserire la corretta punteggiatura ai loro elaborati, che risultano composti di frasi disarticolate, di periodi scompaginati.
Così spesso è anche la nostra vita, sempre in rincorsa, sempre perduta nel fare, affannata, costruita di brandelli appiccicati.
Ci manca il raccoglimento, che è il raccattare i pezzi dell’esistenza e unirli armonicamente. Raccoglimento non significa tanto distaccare, scartare, quanto accogliere. Non eliminare, ma ricucire.
Questo sussidio, che l’Ufficio Diocesano di Pastorale Scolastica predisporrà ogni mese, per la durata dell’intero anno scolastico, vuole proprio essere un’occasione rivolta ai cristiani che operano nella scuola, per fermarsi un poco, per sostare, e raccogliere la propria vita e il proprio agire intorno a Gesù Cristo, che li motiva e dona loro senso.
Leggere e meditare queste semplici righe può inoltre farci sentire più Chiesa, perché consapevoli che altri, in tutte le scuole della Diocesi, cercano di vivere con coraggio e passione, pur tra mille difficoltà, la loro fede

Il direttore dell’Ufficio
di Pastorale Scolastica
(G. Marchioni)

Pagina precedente
Inizio Pagina  
pag. 1
Pagina successiva